Print
Stampa

06/12/2018

Treviso, non si trovano camionisti: mezzi fermi nei piazzali

TREVISO - Aumentano i camion fermi nei piazzali delle aziende di autotrasporto trevigiane. Specialmente in questo periodo, che coincide con l’arrivo delle festività natalizie, quando aumenta di circa il 15% la media del trasporti mensili, il problema della mancanza di autisti professionisti di merci si fa sentire in tutta la sua drammaticità.

"Purtroppo gli autotrasportatori trevigiani devono rinunciare a importanti commesse di lavoro e subire un gravissimo danno economico a causa della mancanza di personale" spiega Confartigianato in una nota, "le nostre imprese sarebbero pronte ad assumere subito, ma autisti non se ne trovano. La stima su base nazionale parla di una mancanza di circa 15.000 professionisti. In provincia di Treviso i dati in nostro possesso ci dicono che le imprese di autotrasporto potrebbero assumerne, da subito, oltre 300".

Una recente ricerca ha messo in evidenza come la carenza di camionisti non sia un problema esistente solo in Italia ma comune in tutta Europa dove la situazione, si parla di circa 150.000 autisti mancanti, si sta aggravando perché i pensionamenti non sono colmati da giovani che intendono svolgere questo mestiere.

"Anche nella nostra Provincia il problema pensionamenti è particolarmente grave" conclude Confartigianato, "i due terzi degli autisti presenti nelle nostre imprese (in totale 4.900 di cui 1200 impiegati presso autotrasportatori artigiani) andranno in pensione nei prossimi 15 anni mentre il ricambio generazionale di questi lavoratori è attualmente costituito solo da non più di 100 soggetti, ovvero da figure che annualmente acquisiscono le patenti e le carte di qualificazione necessarie per essere assunti come autisti in una impresa di autotrasporto merci conto terzi".

 

 

Fonte: LA TRIBUNA DI TREVISO