Eni Station
Verizon Connect
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS
AdBlue
Vendi e compra il tuo autocarro

News

18 Giu 2021

Restrizioni urbane: IRU chiede di esentare i veicoli commerciali

Web TV
RESTRIZIONI_VEICOLI_COMMERCIALI_IRU_TRANSPORTONLINE

Olrte 2.000 città nel mondo hanno deciso di applicare restrizioni ai veicoli commerciali.

 

L'IRU chiede che i veicoli commerciali siano esentati dagli schemi di regolamento sull'accesso dei veicoli urbani (UVAR) esistenti e proposti. Più di 2.000 città in tutto il mondo, con oltre un miliardo di residenti, hanno già implementato o stanno valutando restrizioni di accesso.
I membri dell'IRU, che rappresentano oltre 3,5 milioni di operatori del trasporto su strada di passeggeri e merci in tutto il mondo, hanno adottato una nuova posizione sulle restrizioni urbane in risposta alle crescenti preoccupazioni circa la portata e il costo dei sistemi nuovi ed esistenti.

 

“La vivibilità e la sostenibilità per tutte le città dipendono dalla capacità di merci e persone di muoversi dentro, intorno e fuori dalle aree urbane”, ha affermato Umberto de Pretto, Segretario Generale dell'IRU. “Le restrizioni sui veicoli urbani stanno catturando i veicoli commerciali nelle loro reti, quando il loro vero obiettivo è spesso l'uso dell'auto. Le città devono esentare i veicoli commerciali da queste regole", ha aggiunto.

 

Costi elevati, benefici limitati


La limitazione del trasporto merci nelle città ha un impatto sulle imprese locali e sui residenti oltre all'impatto diretto sui servizi di trasporto commerciale. La limitazione del trasporto passeggeri penalizza il turismo, aumenta la povertà della mobilità e limita gli sforzi per ridurre l'uso dell'auto privata per decarbonizzare la mobilità nel suo complesso. Tuttavia, gli elevati costi di restrizione dei veicoli commerciali dalle città apportano benefici limitati in termini di riduzione delle emissioni di CO2, dell'inquinamento, del rumore o della congestione.

 

"Più del 90% dei veicoli nelle aree urbane sono veicoli privati, quindi le restrizioni dovrebbero distinguere chiaramente tra loro e i veicoli commerciali per offrire la massima soluzione in termini di costi-benefici", ha aggiunto Umberto de Pretto.

 

Periodo di notifica di dieci anni


Le città affrontano senza dubbio grandi sfide nella gestione della congestione, dell'inquinamento, delle emissioni di CO 2 e dell'armonia sociale durante la progettazione di nuovi spazi urbani, miglioramenti della mobilità e funzionalità economica. Gli operatori del trasporto stradale commerciale lavorano in modo costruttivo con gli urbanisti, tuttavia spesso nuove regole vengono implementate senza un preavviso adeguato affinché gli operatori del trasporto stradale e i loro utenti si adattino, danneggiando ulteriormente le imprese e le comunità locali.

 

La nuova posizione dell'IRU prevede un periodo di attuazione di dieci anni per eventuali nuove restrizioni all'accesso dei veicoli urbani per dare alle reti di mobilità locale e alle catene di approvvigionamento il tempo di adattarsi. Leggi tutta la notizia

 

Fonte: IRU

 

 

Pubbliconsult Multimedia
Testata giornalistica registrata
al tribunale di Torino n. 228/2018
P IVA: 04977270018

© Copyright 1996 - Credits - Mappa - transportonline.com