News

29 Nov 2021

Porti: Confapi, l'approvvigionamento delle materie prime è allarmante

PORTO_TRIETE_MERCI_TRANSPORTONLINE_01

 

Ravenna e Marghera stiano vivendo una fase di estrema congestione.

 

La situazione dell'approvvigionamento delle materie prime e della logistica dei porti italiani si fa sempre più critica.

 

A lanciare l'allarme l'Ufficio Studi di Confapi, che evidenzia come i porti di Ravenna e Marghera stiano vivendo una fase di estrema congestione a causa del materiale fermo in attesa di essere sdoganato a gennaio, pena il pagamento di un dazio al 25%. Solo a Ravenna, sono state identificate 7 navi contenenti materiale siderurgico in attesa di accosto per un carico complessivo di circa 165.000 tonnellate metriche a cui si aggiungeranno altre navi in arrivo entro il 31 dicembre per un totale di circa 400mila tonnellate.

 

In termini più pratici, 400 mila tonnellate di acciaio corrispondono a circa 16.500 camion che, messi in fila, formerebbero una coda pari a circa 250 chilometri (tratto di autostrada da Ravenna a Brescia). Ravenna e Marghera sono i due principali porti dove transita circa l'80% in import dei prodotti siderurgici, soprattutto i prodotti piani.

 

"La condizione di grave congestione nei porti è anche diretta conseguenza delle misure di salvaguardia applicate dall'Unione Europea che hanno notevolmente contribuito ad alimentare la carenza di tanti prodotti siderurgici nel mercato italiano - dichiara il presidente di Confapi Maurizio Casasco - l'Italia è un Paese trasformatore di materiale prime delle quali non può esserci una carenza strutturale dal lato dell'offerta. Al momento, i principali paesi esportatori di acciaio hanno già raggiunto le quote in una fase di mercato caratterizzata dalla drammatica necessità da parte dell'industria di trasformazione di avere materiale. Leggi tutta la notizia

 

Fonte: ANSA

Eni Station
Verizon Connect
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS
AdBlue