News

20 Mag 2022

IRU, agire sull'aumento dei prezzi del carburante per evitare il collasso

IRU_TRANSPORTONLINE_01

 

17 punti per affrontare l'aumento dei prezzi, la sicurezza energetica e la decarbonizzazione nei trasporti.

 

L'IRU, l'organizzazione mondiale dei trasporti su strada, ha lanciato un piano di emergenza in 17 punti affinché i governi affrontino l'aumento dei prezzi del carburante e il loro impatto sulle reti di trasporto, sulla sicurezza energetica e sui piani di decarbonizzazione.

L'aumento dei prezzi del carburante sta guidando l'inflazione nell'economia globale e le catene di approvvigionamento devono affrontare blocchi. Il rischio crescente di fallimento dei piccoli operatori comporterà un'ulteriore rottura delle reti di mobilità e logistica e significa che saranno meno in grado di investire in nuovi veicoli per decarbonizzare.

 

Radu Dinescu, presidente dell'IRU , ha dichiarato: “Gli operatori del trasporto su strada stanno affrontando una crisi del flusso di cassa, in particolare il 90% che sono piccole e medie imprese. La volatilità dei prezzi del diesel e le condizioni commerciali inflessibili significano che hanno poco spazio di manovra e i fallimenti sono in aumento. Ciò danneggerà la capacità e l'efficienza della rete di trasporto su strada, con un impatto sulle catene di approvvigionamento, sull'inflazione e sull'economia in generale. Dobbiamo agire ora".

 

Misure di emergenza

 

Il piano di emergenza dell'IRU include 17 azioni del governo per supportare gli operatori del trasporto su strada, in particolare per alleviare la volatilità dei prezzi del carburante, e per riallineare le tabelle di marcia per la decarbonizzazione alle nuove realtà di crescente insicurezza energetica. 

 

Tra le misure, l'Iru chiede un meccanismo di adeguamento delle accise sui carburanti per gli operatori del trasporto commerciale, per fornire certezze a breve termine ed evitare il parziale collasso delle reti di trasporto su strada e l'inflazione. In Germania questo mese, ad esempio, una riduzione temporanea delle accise dell'87% significherebbe un pareggio per un operatore invece di perdere denaro.

 

A causa delle enormi differenze fino al 96%, l'IRU chiede anche che tutte le modalità di trasporto commerciale paghino la stessa tassa sul carburante per mantenere in corso i piani di decarbonizzazione, nonché per accelerare le misure di efficienza tramite il trasporto collettivo su strada e gli eco-camion.

 

Tra una maggiore insicurezza energetica e un crescente squilibrio tra l'offerta e la domanda di carburante, anche tutti i combustibili alternativi a basso e zero e quelli esistenti devono rimanere in uso. I governi dovrebbero rivedere attentamente le politiche di decarbonizzazione per pianificare un passaggio più graduale ai combustibili rinnovabili, al di là dei veicoli elettrici a batteria, e ridurre le distorsioni del mercato, come la tariffazione degli utenti della strada e le zone a zero emissioni che escludono le opzioni già operative di combustibili a basse emissioni di carbonio come il biodiesel e il bio- GNL. Leggi tutta la notizia

 

Fonte: IRU

Eni Station
Verizon Connect
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS
AdBlue