News

03 Nov 2022

Il ''Fedespedi Economic Outlook n.20'' conferma le incertezze del quadro internazionale

Fedespedi_Economic_Outlook_20_transportonline

 

Lo studio è disponibile sul sito di Fedespedi nella sezione Centro Studi.

 

Viene pubblicato oggi dal Centro Studi Fedespedi il 20° quadrimestrale di informazione economicaFedespedi Economic Outlook”, con dati e previsioni sul contesto macroeconomico (Pil, commercio internazionale, ecc.) oltre agli ultimi dati sull’import-export italiano, le tendenze nello shipping internazionale, e il traffico aereo cargo.

 

 

 

Il report conferma le incertezze del quadro internazionale provocate dal perdurare del conflitto tra Russia e Ucraina e la conseguente crisi energetica, fenomeni che stanno determinando una forte spinta inflazionistica in tutti i principali Paesi europei e negli Stati Uniti.Per il 2022 la Banca Centrale Europea stima, grazie al buon andamento della prima parte dell’anno, una crescita in termini reali del 3,1%, con un forte ridimensionamento nel 2023 (+0,9%).

 

 

 

ITALIA

 

 

- Nell’economia del nostro Paese si riflettono le dinamiche valide a livello Mondo: nei primi otto mesi dell’anno, la produzione industriale è aumentata dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2021. Vanno rilevati però segnali di rallentamento a metà 2022, periodo in cui si evidenzia una flessione della produzione industriale dell’1,2% (giugno-agosto rispetto a marzo-maggio). A questo si aggiunge l’effetto dell’inflazione: nel mese di settembre 2022 i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,3% su base mensile e dell’8,9% su base annua, uno dei valori più alti degli ultimi decenni.

 

 

- Per quanto riguarda il valore dell’import-export nei primi sei mesi dell’anno le esportazioni hanno registrato un aumento del 23,0% e le importazioni del 45,0%, (risultato frutto della dinamica dei prezzi delle materie prime energetiche che ha comportatoun saldo negativo della bilancia commerciale).

 

 

 

SHIPPING

 

 

- A causa del conflitto nei primi 8 mesi del 2022, sulla base dei primi dati CTS, il traffico container in volume a livello Mondo è calato dell’1,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per l’intero 2022 la flessione dei volumi trasportati dovrebbe collocarsi intorno all’1,5%. A questa dinamica sono associate le inversioni di tendenza registrate per quanto riguarda l’affidabilità dei servizi via mare - in netto miglioramento con un ritardo medio sceso da 7,9 a 5,9 giorni - e il livello dei noli container - in discesa da febbraio 2022 - che avevano caratterizzato in negativo l’anno 2021.

 

 

-Nel primo semestre 2022 il traffico container nei porti italiani ha continuato a crescere (+7%), passando da 5,54 a 5,93 milioni di Teu. L’incremento ha riguardato tutti i porti, tranne quelli di Genova (-1,7%), La Spezia (-3,9%) e Salerno (-12,4%). In forte ripresa il porto di Trieste (+17,4%) dopo la riduzione dei traffici dello scorso anno.

 

 

-Inversa la dinamica per i porti del Mediterraneo che hanno movimentato 15,4 milioni di Teu con una diminuzione dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2021. In decisa flessione i porti di Valencia (-6,2%), Pireo CT (-9,6%) e Mersin (-5,1%). Nello stesso periodo, i porti del North Rangehanno evidenziato una significativa riduzione della movimentazione pari al -3,8% (22,7 milioni di Teumovimentati). In generale i porti del Nord hanno risentito del calo dei traffici con la Cina e con la Russia, dopo l’inizio della guerra in Ucraina.

 

 

CARGO AEREO

 

 

- Anche il traffico aereo merci risente inevitabilmente delle incertezze e difficoltà del quadro economico generale, e anche del costo crescente del carburante (+64,7% in un anno), cheindebolisce ulteriormente la domanda di trasporto aereo. Sulla base dell’ultimo report di IATA (Air cargo market analysis, agosto 2022), il traffico cargo totale espresso in ton-km (CTK cargo tonne-kilometres) ad agosto 2022 è calato dell’8,3% rispetto allo stesso mese del 2021, dopo la flessione del -9,7%, sempre su base annua, di luglio. Anche il traffico aereo merci risente inevitabilmente delle incertezze e difficoltà del quadro economico generale.

 

 

- Nonostante le turbolenze dei mercati internazionali, continua la crescita del cargo aereo nazionale, che nei primi otto mesi del 2022 ha segnato un aumento complessivo del 4,4% rispetto allo stesso periodo del 2021: da segnalare la stabilità di Milano MXP (+0,8%) che detiene la concentrazione del traffico nazionale (66,5%) e la forte crescita di Roma FCO (+34,8%).

 

www.fedespedi.it

 

Eni Station
Verizon Connect
C2A
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS