Green Logistics Experience

15 Nov 2022

Latteria Soresina – ''Green Logistics Experience''

Alberto_Spinelli_latteria_soresina_transportonline

 

Intervista ad Alberto Spinelli - Logistic and S&OP Manager.

 

Cosa sta facendo la sua azienda per un trasporto ed una logistica sostenibile?

 

Essendo la logistica al centro della Supply-chain, all’interno, Latteria Soresina sta lavorando su più fronti per aiutare a creare efficienza, perché non sprecare è il primo passo per essere sostenibili.

 

Per questo motivo ha attivato il processo S&OP (Sales & Operation Planning) che è in grado, attraverso un Forum collaborativo, a far convergere le esigenze delle diverse funzioni aziendali (produzione, logistica, acquisti, vendite) arrivando a un piano di produzione condiviso. Questo consente una pianificazione delle attività garantendo anche un miglior servizio ai clienti.

 

Pianificare evita di rincorrere “sprecando” risorse siano esse interne (es. set-up continui delle linee di produzione, stock out o over stock di magazzino, ecc.) che esterne (es. trasporti aggiuntivi e dedicati).

 

Altro punto di attenzione è la scelta dell’imballaggio primario (a contatto diretto con il prodotto) che deve essere possibilmente riciclabile, riciclato o compostabile. Sgrammare la plastica di questi imballaggi ha consentito di risparmiare sul conto economico facendo bene all’ambiente senza influire sulla durata di vita dei prodotti in essi contenuti e senza avere impatti negativi sulla movimentazione e trasporto degli stessi. Per quanto concerne gli imballi secondari (cartoni) studiamo cartonaggi, partendo dalle dimensioni dei prodotti, che permettano la saturazione del pallet (80×120 o 100×120). Saturare pallet e di conseguenza mezzi di trasporto aiuta anche in questo caso il conto economico e la sostenibilità ambientale.

 

Per i pallet, dove possibile, utilizziamo il pooling chiuso che risulta essere meno impattante rispetto ad altre soluzioni. In caso di pallet a perdere per le spedizioni oltre oceano ci avvalliamo di un partener che oltre a certificare la provenienza del legno FSC e PEFC affronta e promuove i temi etici in tutta la loro completezza.

 

Per quanto concerne il trasporto abbiamo inserito tra i nostri partner aziende full NLG o Bio-metano credendo che la strada dei nuovi carburanti ad emissione 0 sia quella giusta. Se poi il Gas è generato dai rifiuti organici civili ed industriali, abbiamo fatto bene al nostro ambiente due volte, evitando montagne inutili nelle nostre periferie e creando energia pulita.

 

Stiamo approcciando anche l’elettrico che è sostenibile a patto che l’energia sia stata prodotta da fonti rinnovabili altrimenti è solo un spostare il problema ambientale da una zona geografica a un’altra. Vedremo gli sviluppi e i costi. La sostenibilità deve sempre essere declinata nei tre valori: ambientale, economica e sociale.

 

Per la Sostenibilità sociale in ambito logistico, Latteria Soresina ė associata all’Osservatorio TCR, Transport Compliance Rating,primo Protocollo Internazionale del Trasporto in ambito di Sicurezza e Affidabilità delle imprese di trasporto e logistica.

 

Si tratta di una valutazione oggettiva, data dalla raccolta di dati e verifica con audit nelle aziende di logistica e trasporti, col fine di verificare lo stato di affidabilità negli ambiti di sicurezza ambientale, sicurezza dei luoghi di lavoro, sicurezza del prodotto, sicurezza stradale, coperture assicurative, tecnologie e sistemi, integrità morale partendo dalla struttura organizzativa. Direi un bel esempio di protocollo etico.

 

Cosa chiede ai suoi partner per un trasporto ed una logistica sostenibile?

 

Tra i partner includo sia fornitori che clienti, essendo entrambi attori della stessa supply chain. Siamo tutti clienti di chi ci precede e fornitori di chi ci segue. Abbiamo in comune lo stesso attore finale, chi ha in mano il carrello della spesa

 

Chiedo che siano proattivi nella ricerca di nuove soluzioni per abbattere i costi dovuti alle inefficienze di filiera. Specialmente in questo momento storico con costi dell’energia elevati e mancanza di autisti e mezzi, chiedo che si creino le condizioni per poter consegnare, aiutando le aziende di trasporto a pianificare i viaggi saturando i mezzi. Chiedo, quindi, di rivedere le logiche di consegna tassativa con lead time oramai da e-commerce e introdurre maggiore flessibilità negli orari di ricevimento merci.

 

Chiedo ai cittadini di scegliere i prodotti e i marchi anche in base all’impatto ambientale degli stessi e alle scelte di sostenibilità messe in campo. Sappiate che parte dei costi sono dovuti proprio a recuperare le inefficienze di filiera per riuscire a garantire performance “discutibili”.

 

Chiedo a tutti di non abbassare la guardia perché spesso la logistica e il trasporto sono attività dove illegalità e sfruttamento attecchiscono facilmente

 

Il futuro dipenderà molto dalle scelte che l’intera filiera metterà in campo per garantire la sostenibilità ambientale, economica e sociale.

 

Profilo azienda su transportonline

Eni Station
Verizon Connect
C2A
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS
AdBlue