Green Logistics Experience

07 Nov 2023

Catone – ''Green Logistics Experience''

catone_group_transportonline_01

 

Intervista a Carlo Catone – Fondatore Catone Group.

 

Cosa sta facendo la sua azienda per un trasporto ed una logistica sostenibile?

 

La famiglia Catone è un operatore storico nel settore della logistica e dello stoccaggio di prodotti agroalimentari, a temperatura controllata e no. Le nostre aziende si impegnano da sempre a garantire elevati standard qualitativi ed efficienza, grazie alla nostra storica presenza nel settore, che ci ha permesso di consolidare competenze specifiche permettendoci di offrire ai nostri clienti il più elevato livello di servizio.

 

La filiera del freddo richiede il rispetto di rigidi protocolli per conservare il prodotto nel miglior modo possibile, garantendo contemporaneamente integrità, standard igienici e sicurezza alimentare. Qualsiasi interruzione nella catena del freddo potrebbe compromettere le proprietà del prodotto durante la distribuzione. Questo processo richiede un notevole fabbisogno energetico per garantire che i sistemi di refrigerazione mantengano i magazzini e i mezzi di trasporto alla temperatura corretta.

 

Per garantire il miglior livello di servizio per i nostri clienti, l'impegno verso la sostenibilità ambientale è uno dei nostri principali obiettivi strategici, realizzato attraverso una strategia a medio/lungo termine supportata da progetti concreti, con l’automatizzazione dei magazzini.

 

La famiglia Catone è consapevole dell’importanza di integrare i criteri ESG (Enviromental, Social and governance) nella propria visione aziendale. Le nostre operazioni e strategie, sono guidate dall’attenzione ai fattori ambientali, sociali e di governance, investendo in modo responsabile e sostenibile, con l’obiettivo primario di generare un impatto positivo sulla comunità e sull’ambiente.

 

Già nel 2010, abbiamo realizzato, nella nostra sede di Parma, la costruzione di uno dei più grandi magazzini frozen automatici in Italia e in Europa, con una capienza di 83.000 posti pallet, realizzato in poco più di 1 anno e posizionato in una localizzazione ideale, baricentrica rispetto ai centri distributivi dell’Europa meridionale e rispetto alle autostrade e alla linea ferroviaria, che arriva all’interno del sito stesso. Un vero fiore all’occhiello per tecnologia e automatismi.

 

Nel 2023 è cominciata la costruzione di 4 nuovi poli logistici in 3 diverse aree: in Italia, a Pastorano e Vitulazio (Caserta) ed in Ungheria, a Budapest. Queste strutture di ultima generazione, una delle quali completamente automatica, copriranno un totale di 100.000 metri quadrati, contribuendo significativamente allo sviluppo del territorio e totalmente attenti ai criteri ambientali essendo strutture dotate di impianti fotovoltaici in grado di coprire l'80% del fabbisogno energetico necessario.

 

I nostri magazzini automatici sono dotati di tecnologie di ultima generazione che riducono significativamente l’impatto ambientale, in particolare:

-          Garantiscono l’ottimizzazione dello spazio e la concentrazione delle operazioni logistiche in un’area di dimensioni ridotte, migliorando le inefficienze e di conseguenza gli sprechi;

-          Il consumo energetico derivante dall’attività di stoccaggio viene ridotto in quanto il consumo avviene solo quando l’operatore attiva la movimentazione dei cassetti. Negli altri momenti, escludendo chiaramente la refrigerazione, i magazzini automatici sono inattivi;

-          Inoltre, i carrelli elevatori non sono più necessari, di conseguenza anche le loro emissioni vengono azzerate.

 

IL FUTURO DEI TRASPORTI

 

 

In Europa, circolano oltre 6 milioni di mezzi pesanti, i quali da soli producono circa il 6% delle emissioni totali di CO2 (un Tir a medio carico supera il chilo di CO2 per chilometro, quanta ne emettono dieci vetture).

Entro il 2023, la normativa impone la riduzione del 30% le emissioni di CO2, rispetto al 2019, e al giorno d’oggi arginare il problema non ha soluzioni semplici: mentre per le tratte brevi, le cosiddette “ultimo miglio”, ci sono dei validi automezzi elettrici, per le rotte lunghe le batterie non sono sufficienti. Le alternative per il trasporto pesante a lungo raggio sono oggi due: l'idrogeno e il metano. Nel prossimo decennio, sarà, molto probabilmente, l’idrogeno a rivoluzionare il settore dei trasporti. Il metano è già presente, ma non tutti sono d'accordo sul fatto che convertire a metano il trasporto pesante europeo sia una buona mossa per il clima e per l'ambiente.

L’unica alternativa veramente valida è il trasporto intermodale.

Nel 2011 abbiamo iniziato il progetto intermodale Green Express, tra Napoli / Parma, baricentrica rispetto ai centri distributivi dell’Europa.

Oggi, dopo un periodo di stand-by, stiamo sviluppando nuovamente il progetto intermodale, tra Napoli, Parma e Budapest, con una frequenza di quattro treni a settimana sulla tratta: 200 autotreni saranno spostati dalla strada alla rotaia, con una forte riduzione dell’impronta ambientale del trasporto.

 

Cosa chiede ai suoi partner per un trasporto ed una logistica sostenibile?

 

La leadership aziendale ha delineato una serie di iniziative chiave volte a garantire un impatto positivo sull'ambiente e la società. In particolare, nel corso del prossimo biennio, le nostre aziende si impegneranno a promuovere una gestione responsabile e sostenibile e saranno dotate di:

 

-          Policy Ambientale e Responsabile Ambientale;

-          Certificazioni per la gestione e il monitoraggio della qualità e degli impatti ambientali (ISO 14001 – ISO 9001 - ECOLABEL – EMAS);

-          Certificazione ambientale per gli edifici;

-          Procedure di Valutazione di Impatto Ambientale;

-          Metodo di calcolo puntuale della quantità di Green House Gases (GHG) emessi, con ulteriore piano di riduzione delle emissioni GHG;

-          Stringenti politiche e procedure interne per la gestione dei rifiuti pericolosi.

 

Infine, la sostenibilità sarà promossa anche attraverso i fornitori, ai quali verranno richiesti gli stessi criteri ambientali e sociali, contribuendo così a diffondere pratiche responsabili lungo l'intera supply chain. Quindi, affidarsi a Catone, per i nostri partner, significa poter far affidamento su relazioni stabili e di lungo termine, per poter contribuire allo sviluppo di una food supply chain sostenibile.

 

 

Profilo azienda su transportonline

Verizon Connect
Toyota MH
Grimaldi Group
Soset
SP TRANS
Aziende Green su Transportonline